Impianti di irrigazione - Giardinieri a Serramanna

logo corpino srl

CorPino Giardini

... il verde ci appassiona!
Title
Vai ai contenuti

Impianti di irrigazione

L’impianto di irrigazione ti permette di fornire sempre la giusta quantità di acqua al tuo giardino, in maniera semplice ed efficace.

Le tipologie di impianto di irrigazione
Ci sono diverse tipologie di impianto di irrigazione, per tutte le esigenze:
  • manuale e automatico;
  • interrato o di superficie (chiamato anche “fuoriterra”);
  • a goccia;
  • micro irrigazioni specifiche per siepi, bordure e aiuole.
In ogni caso è necessaria una progettazione attenta, soprattutto per quanto riguarda la parte idraulica di collegamento alla rete idrica.

Impianto di irrigazione a tubo flessibile
Il sistema più semplice e meno costoso per l’irrigazione del giardino rimane il tubo flessibile, collegato ad un rubinetto esterno. Può eventualmente essere dotato di un elemento finale coma la pistola, la lancia o l’irrigatore, che consentono di ottenere una diversa erogazione dell’acqua. È adatto a chi ha uno spazio molto piccolo, non vuole spendere tanto e ha tempo a disposizione da dedicare al giardinaggio.

Impianto di irrigazione fuoriterra
Una soluzione più pratica è costituita dagli impianti, come quello fuoriterra, detto anche di superficie, composto da diversi tubi a vista che coprono tutta l’area del giardino. In questo caso basta semplicemente aprire i rubinetti centrali o programmare le elettrovalvole e l’acqua raggiungerà tutte le aree desiderate. È più utilizzato nei grandi campi agricoli, mentre per i giardini privati è antiestetico e scomodo, soprattutto perché deve essere rimosso ogni volta che si taglia l’erba.

Impianto di irrigazione interrato
L’opzione più pratica, è l’impianto di irrigazione interrato, definito in questo modo perché il circuito, realizzato con tubi in polietilene e raccordi a innesto, non è visibile. L’acqua viene erogata tramite irrigatori “pop-up”, a scomparsa. Questi possono avere una testina fissa o mobile, sono azionati direttamente dalla forza dell’acqua e fuoriescono da terra solamente quando inizia l’irrigazione.
Se nella tua zona ci sono gelate frequenti, è necessaria anche una valvola di drenaggio. In questo modo, quando il circuito non viene utilizzato, non rimane acqua, che potrebbe gelare e causare danni, nei tubi.
Un impianto di irrigazione interrato ha costi modesti ma ti permette di avere moltissimi vantaggi: è un sistema automatico che utilizza valvole di controllo (a comando elettronico o idraulico), collegate a elettroprogammatori che gestiscono le diverse linee di irrigazione. Assicurati che sia possibile impostare sia il giorno sia l’ora di avvio, oltre alla durata massima dell’irrigazione. I sistemi più sofisticati presentano anche sensori per programmare l’impianto a seconda della rilevazione dell’umidità e della pioggia.

Impianto di irrigazione a goccia
Infine, l’impianto di irrigazione a goccia per l’orto o per le piante in vaso, è formato da un programmatore a batteria collegato al rubinetto e piccoli tubicini che si diramano fino all’area interessata. Questi presentano dei microfori che rilasciano l’acqua in maniera graduale evitando che ristagni nel terreno. È un sistema adatto ad aree di piccole o medie dimensioni, terrazze o balconi.

La progettazione dell’impianto di irrigazione
Questa fase è fondamentale per avere un giardino in salute per tutto l’anno. Anche un’eccessiva irrigazione, infatti, può essere dannosa per l’erba e le piante, perché porta all’insorgenza di malattie fungine. Per questo motivo, la progettazione del giardino e dell’impianto deve essere pensata con cura con l’aiuto di un tecnico esperto. Le variabili da prendere in considerazione sono in particolare:
  • dimensione e forma del giardino: è necessario realizzare una planimetria suddivisa in zone, tenendo conto anche della presenza di viali e alberi, per calcolare il numero di irrigatori e il loro posizionamento;
  • portata della rete idrica: influenza il numero di irrigatori che possono funzionare contemporaneamente;
  • calibratura: la quantità d’acqua di cui può disporre l’impianto e la pressione che riesce a sopportare.
  • programmazione: suddivisione settimanale dei turni e della durata dell’irrigazione a seconda delle condizioni climatiche e della stagione;

A seguito dell’installazione è anche necessario effettuare una verifica a scavi aperti, in modo da correggere immediatamente eventuali problematiche.

La manutenzione dell’impianto di irrigazione per il giardino
La manutenzione è molto semplice e comporta costi contenuti, tuttavia deve essere effettuata periodicamente, per mantenere l’impianto di irrigazione del tuo giardino in ottime condizioni.





.
Vuoi installare un impianto di irrigazione in giardino e hai bisogno di sapere quali saranno i costi precisi?
Contattaci ora









.
Torna ai contenuti